Il gioco

Il Gioco del Lotto, nasce circa cinquecento anni fa nella città di Genova e da allora migliaia e migliaia di persone nel corso dei secoli si sono cimentate nello sfidare la sorte per vincere il montepremi.

E' disciplinato dalla legge n. 528 del 2/8/1982 (in G.U. n. 222/82) e dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 560 del 16/9/1996. Attualmente la sua gestione è affidata all'Ispettorato Generale per il Lotto e le Lotterie, Direzione Generale delle Entrate Speciali, con sede in Roma presso il Ministero delle Finanze.

Il Gioco del Lotto è basato sull'estrazione di 5 numeri tra l'1 e il 90, effettuata su dieci ruote identificate con i nomi di dieci città ( Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia) e su un'undicesima ruota da poco istituita: la Ruota Nazionale.

Puoi giocare al Lotto tutti i giorni. Le estrazioni, dal 21 giugno del 2005 in forma sperimentale per 4 mesi, si tengono ogni martedì, giovedì, e sabato alle ore 20:00.
Le giocate sono accettate dalle 07:00 alle 24:00, ma per consentire il corretto svolgimento delle operazioni di raccolta, nei giorni di estrazione è consentito giocare solo fino alle 19:30.

La giocata minima su una schedina del Lotto è di 1,00 euro, la massima 200,00 euro. La vincita massima ottenibile con ciascuna schedina è di 6 milioni di euro.

Per ciascuna giocata viene rilasciato uno scontrino che riepiloga tutte le informazioni necessarie. Scoprile in dettaglio consultando lo scontrino di gioco. Lo scontrino è l'unico titolo che legittima il possessore ad incassare il premio in caso di vincita. Lo scontrino è anonimo: se lo smarrisci non avrai più modo di comprovare la giocata e perderai il diritto a richiedere il pagamento del premio.
Conservalo con cura: lo scontrino non deve risultare deteriorato o illeggibile nei suoi elementi essenziali, o verrebbe considerato nullo. In caso di vincita non ti verrebbe riconosciuto il premio ma solamente restituito l'importo giocato.